panelarrow

Avvocato Infortunistica Stradale Roma

avvocato infortunistica stradale roma

Avvocato Infortunistica stradale Roma

Lo studio legale Morano & partners assiste i privati che abbiano subito un danno a cose o persone a seguito di incidenti avvenuti in ambito di circolazione stradale o nautica.

A partire dal febbraio 2015, chiunque intenda agire in giudizio per chiedere il risarcimento dei danni cagionati da circolazione di veicoli e natanti, ha l’obbligo di invitare, preventivamente, la controparte a stipulare una convenzione di negoziazione assistita da avvocati, per tentare di dirimere la controversia amichevolmente, in sede stragiudiziale, a pena di improcedibilità della domanda giudiziale.

E’ ormai da qualche tempo che si sente parlare della procedura di negoziazione assistita, un istituto introdotto nel nostro ordinamento dal decreto legge n. 132/2014, recante “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione e altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile”,

L’istituto della negoziazione assistita è stato introdotto per tentare di incentivare ulteriormente la risoluzione delle controversie in sede stragiudiziale e decongestionare il sistema di giustizia civile.

Il Decreto riprende diverse disposizioni già dettate dal D.Lgs. n. 28/2010 in tema di mediazione, ma non si sostituisce né si sovrappone a quest’ultima.

La procedura di negoziazione assistita, sostanzialmente consiste nella sottoscrizione delle parti in lite di una convenzione, ossia un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tra di loro sorta, con l’ausilio e l’assistenza di avvocati, in sede stragiudiziale.

La Legge 24 dicembre 1969, n.90, articolo 18, (applicabile ratione temporis, oggi abrogato e trasfuso nell’art. 144 cod. ass.) stabilisce che nel giudizio proposto dalla vittima di un sinistro stradale nei confronti dell’assicuratore del responsabile debba essere convenuto anche il responsabile civile. Pertanto, pare opportuno traslare tale principio anche in relazione alla procedura di negoziazione assistita, coinvolgendo, quale parti necessarie, tanto il responsabile civile, quanto la relativa società assicurativa.

Occorre però sottolineare come, sebbene il responsabile civile risulti essere litisconsorte necessario, la mancata sottoscrizione dell’accordo raggiunto a seguito della convenzione di negoziazione assistita da parte di quest’ultimo non appare essere necessaria ai fini di una validità sostanziale dello stesso.

Non si può infatti trascurare come la necessità di rendere edotto il responsabile civile dell’avvio di un giudizio nei suoi confronti, così come (analogamente) dell’avvio di una procedura di negoziazione assistita rispetto ad un sinistro ad esso riconducibile, non ne imponga poi la necessaria partecipazione. Quanto sostenuto trova conferma nella prassi, che spesso vede il concludersi di vertenze inerenti a sinistri con la sottoscrizione di atti di transazione da parte delle sole imprese assicurative coinvolte e del danneggiato. A ulteriore riprova è poi sufficiente rinviare a ciò che avviene nel caso di ricorso alla procedura di risarcimento diretto ex art. 149 cod. ass., rispetto alla quale il responsabile civile non risulta nemmeno essere litisconsorte necessario.


RICHIEDI ORA UN AVVOCATO INFORUNISTICA STRADALE ROMA

[Total: 3    Average: 4.3/5]